Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
img

Passeggiata di natale a Roma: da Piazza della Consolazione a Piazza Campo de’ Fiori

Finalmente è arrivato il Natale a Roma! Nel precedente articolo vi abbiamo proposto uno degli itinerari più conosciuti che porta da Piazza del Popolo a Piazza Venezia, questa volta vi condurremo da Piazza della Consolazione a Piazza Campo de’ Fiori, passeggiando tra vie “secondarie” e meno battute dai turisti e più apprezzate dai romani nelle loro camminate capitoline.

Da Piazza della Consolazione a San Nicola in Carcere

La nostra passeggiata natalizia inizia dalla Chiesa di Santa Maria della Consolazione al Foro Romano presso Piazza della Consolazione 84, proprio ai piedi del Colle Capitolino. Vi consigliamo di prendervi un momento per visitare la chiesa e ammirarne la sua bellezza dall’interno. Dopodiché potrete percorrere Via Jugario fino all’incrocio con Via del Teatro Marcello. Davanti a voi, sul lato destro dall’altra parte della strada la splendida Basilica di San Nicola in Carcere.

Basilica di San Nicola in Carcere

Assolutamente da non perdere durante la passeggiata di Natale a Roma è la visita della chiesa e specialmente dei suoi sotterranei che rivelano l’antica strada romana, i resti dei suoi tre templi trasformati in prigione durante il Medioevo, un sepolcreto e delle antiche botteghe di mercanti romani. La visita si può prenotare tramite alcune associazioni culturali come www.romasotteranea.it; www.amicidiroma.it; www.visite-guidate-roma.com ma se siete fortunati potete incappare nel parroco che molto gentilmente vi porterà sotto terra alla scoperta di una piccola parte della del Rione Sant’Angelo

Da San Nicola in Carcere al Portico D’Ottavia

Proseguite quindi su Via del Teatro Marcello per entrare, dopo un centinaio di metri, nell’area archeologia del Teatro Marcello stesso (sulla vostra sinistra). Passate attraverso i ruderi e dalla rampa uscite nel Ghetto di Roma, lo splendido Portico D’Ottavia. Godetevi la particolarità dell’omonima via e gustate uno dei famosissimi dolci dello storico forno del Ghetto (all’angolo con Piazza Costaguti).

Dal Portico D’Ottavia a Largo dei Librari

Proseguite su Via di Santa Maria del Pianto fino a raggiungere Via Arenula: attraversatela, passate su Piazza Benedetto Cairoli tenendovi sulla sinistra perché, se avete voglia di bere qualcosa dopo aver assaggiato i dolci al miele e alle mandorle della pasticceria ebraica o i suoi famosi bruscolini, potrete dissetarvi con una birra artigianale tra quelle “sotto l’albero” in Via degli Specchi 6.
Una volta rigenerati continuate la passeggiata di Natale a Roma su Via degli Specchi verso sinistra, girate quindi a destra su Vicolo dei Catinari e poi di nuovo a sinistra su Piazza Benedetto Croce. Continuate su Via dei Giubbonari, una delle strade più belle di Roma, con i suoi negozietti e cibarie varie. Raccogliete in uno sguardo Largo dei Librari (sulla vostra destra), visitate la minuscola Chiesa di Santa Barbara e se avete di nuovo fame godetevi un filetto di baccalà fritto nel più famoso filettaro di Roma.

Chiesa di Santa Barbara

La Chiesa di Santa Barbara è davvero una delle chicche di Roma. Incastonata perfettamente tra due antichi palazzi, risale al X-XI secolo. Santa Barbara è considerata la protettrice delle morti improvvise e violente, nel tempo è diventata anche la Santa protettrice dei Vigili del Fuoco.
Dal 1601 la chiesa fu ceduta alla Confraternita dei Librari che vi svolse la propria attività devozionale fino al 1878, anno dello scioglimento della confraternita. La Chiesa di Santa Barbara dei Librai è arricchita di stucchi bianchi ed internamente presenta una pianta a croce greca, con la navata ed il transetto della stessa lunghezza.
Dal 2005 ad oggi, ogni anno il 4 dicembre, in occasione della festa di Santa Barbara, viene aperto al pubblico lo storico presepe conservato all’interno di Santa Barbara dei Librai : “Arti e mestieri nella Roma del 700”.

Da Largo dei Librari a Piazza Campo de’ Fiori

Tornate quindi su Via dei Giubbonari e raggiungete la meravigliosa Piazza Campo de’ Fiori per concludere l’itinerario di Natale a Roma in uno dei gioielli di Roma. Il centro della piazza è dominato dalla statua del filosofo Giordano Bruno, arso nella piazza il 17 febbraio 1600 poiché considerato eretico. Nel 1876 nacque un movimento, spalleggiato da intellettuali di tutto il mondo, per riabilitare il nome del filosofo. Ci vollero 13 anni ma alla fine, il 9 giugno del 1889, la statua di Giordano Bruno fu innalzata ed inaugurata al centro di Piazza Campo de’ Fiori. Il nome della Piazza fa forse riferimento a Flora, donna amata da Pompeo, oppure al fatto che nel ‘300 fu un prato ricoperto di fiori. Qualunque sia la versione reale, la mattina il mercato rionale più famoso di Roma ha luogo qui, tra il vociare dei romani e la vendita di frutta e verdura. Al calar del sole però le luci e gli addobbi natalizi avranno la meglio e dalle 19 fino a tarda notte la Piazza diventa un viavai di gente e di giovani che trascorrono le loro serate in piazza, seduti ai piedi di Giordano Bruno.

Altezza richiesta da questo div per abilitare la barra laterale fissa